NORME DI QUALITA’
PARTE GENERALE

Le seguenti prescrizioni sono relative alla qualità, selezione, confezione ed alle indicazioni da riportare sulle confezioni dei fiori recisi.
La valutazione dei controlli di qualità sui prodotti esaminati deve basarsi sul fatto che, ragionevolmente, i fiori dovranno mantenere le proprie caratteristiche ornamentali per un adeguato periodo dopo la vendita.

QUALITA’ INTERNA

Riguarda i fiori per i quali è obbligatorio il trattamento con prodotti conservanti.

QUALITÀ ESTERNA

Sviluppo
Requisiti minimi:
fiori: lo sviluppo raggiunto deve permettere di  riconoscere pienamente le caratteristiche proprie di ogni specie e varietà (colore, numero minimo di fiori, ecc.) e di garantire la completa fioritura.
Requisiti massimi:
i fiori non dovranno avere mai presentare manifestazioni di invecchiamento o sfioritura.

REQUISITI DI QUALITÀ

Visivamente, deve verificarsi corrispondenza ai requisiti generali del  Regolamento CEE 316/68:
CATEGORIA I – caratteristiche dei fiori

  • interi
  • freschi
  • senza parassiti animali o vegetali
  • privi di danni causati dai parassiti suddetti
  • senza tracce di antiparassitari che deturpino e/o compromettano  l’aspetto del prodotto
  • privi di ammaccature
  • privi di difetti di vegetazione
  • privi di danni causati dalle intemperie tranne che per i prodotti di pien’aria
  • steli diritti e sufficientemente robusti da sostenere il fiore
  • la forma, la consistenza ed i colori dei fiori devono corrispondere adeguatamente alle loro caratteristiche  specifiche.

CATEGORIA II – caratteristiche dei fiori
– interi
– freschi
– senza parassiti animali
possono, tuttavia, essere presenti i seguenti difetti:
– leggere malformazioni
– leggere ammaccature
– leggeri danni causati da malattie o da parassiti animali
– leggeri danni causati da intemperie
– steli meno diritti e meno rigidi
– piccole tracce di insetticidi o anticrittogamici

TOLLERANZA

Nella confezione i controllori verificano il grado di soddisfazione dei requisiti richiesti dalle categorie di scelta indicate sulla confezione.
La tolleranza identifica in percentuale la misura massima di prodotto non conforme alle categorie di scelta.
Normalmente non vi è tolleranza sui pesi e sulle lunghezze, che devono corrispondere a quelli dichiarati.

  • CATEGORIA EXTRA: tutte le unità di presentazione composte esclusivamente da prodotti appartenenti alla prima categoria, senza alcuna tolleranza, possono essere classificate “Extra”.
  • CATEGORIA I: il 5%  dei fiori di una confezione può presentare leggeri difetti a condizione che non venga compromessa l’omogeneità del prodotto stesso.
  • CATEGORIA II:  il 10%  dei fiori di una confezione può non rispondere ai requisiti minimi stabiliti per la categoria.

I difetti tollerati non devono compromettere la resistenza, l’aspetto e l’utilizzazione dei fiori.

Requisiti per la selezione e la confezione
In ogni confezione la uniformità deve riguardare:

  • lo spessore, la rigidità e la lunghezza dello stelo
  • il colore, la maturazione dei fiori
  • le confezioni (mazzi) di una partita

CODICE DI LUNGHEZZA

La lunghezza degli steli deve corrispondere ai codici dati dal regolamento e dichiarati dal produttore.
Attraverso la determinazione dei codici si consente l’identificazione oggettiva delle lunghezze dei fiori, indipendentemente dalla qualità: la lunghezza di per se’ non costituisce sempre elemento per la classificazione di qualità.
I disciplinari relativi ai singoli prodotti possono prevedere limiti di lunghezza al di sotto dei quali un fiore deve essere classificati nella categoria di scelta inferiore.

DIFFERENZA  DI  LUNGHEZZA CONSENTITA

Il codice indica la lunghezza dello stelo più corto nella confezione.
La differenza di lunghezza consentita si riferisce alla minima compresa fra il codice dato e un limite superiore, specificato o nel regolamento generale o, per le eccezioni, nelle schede specifiche.

LUNGHEZZA DEI FIORI

LUNGHEZZA DELLO STELO
PIU’ CORTO IN CONFEZIONE

CODICI

 10 cm
15 cm
20 cm
25 cm
30 cm
35 cm
40 cm
45 cm
50 cm
60 cm
70 cm
80 cm
90 cm
100 cm

010
015
020
025
030
035
040
045
050
060
070
080
090
100

La scala prosegue a scatti di 10 cm

La scala prosegue a scatti di 10

Le differenze di lunghezza massima consentita fra lo stelo più corto e quello più lungo in uno stesso mazzo dovrà essere:

  • fino a 30  cm: 3 cm
  • oltre i 30 cm, nelle confezioni pari di fiore (es.: Bocche di Leone): 5 cm

fiori_clip_image002
fiori_clip_image004

– oltre i 30 cm, nelle confezioni pari di stelo (es.: Lisianthus): 10 cm
A nostro avviso le confezioni devono essere sempre pari di stelo alla base, per evitare problemi nel trasporto in acqua.
Nelle confezioni a scala la sommità dei fiori deve sfiorare la base di quelli della fila superiore; la differenza di lunghezza massima alla base della confezione non deve superare i 5 cm.

La lunghezza dello stelo si misura dal taglio dello stelo fino al bocciolo più alto (fiore incluso).

fiori_clip_image006

CONFEZIONAMENTO

Le indicazioni poste sulla confezione (identificazione del produttore e categoria di scelta) devono corrispondere alle caratteristiche del prodotto presentato.
I fiori devono esser confezionati a 5-10 e loro multipli salvo eccezioni indicate nelle schede specifiche.
Nelle schede specifiche, fra l’altro, sono indicate le regole cui attenersi per:

  • assemblaggio delle unità di confezione
  • involucro da impiegare a protezione del prodotto

CONTROLLO DI QUALITA’

I controllori avranno come riferimento il Regolamento e le schede di qualità specifiche per ogni specie o varietà di fiore; sulla base di queste schede, dovranno esaminare il prodotto secondo uno schema di valutazione (vedi scheda allegata) che comprende:

  • CONFEZIONE:

a- danni da imballaggio (per esempio: danni a fiori, foglie o steli provocati da urti, pressioni, ecc., che compromettono l’aspetto del prodotto da commercializzare)
b- peso/numero di steli;
c- pulitura della parte terminale dello stelo e delle talee eventualmente presenti;
d – presentazione/parità di gambo o di fiore.

  • UNIFORMITA’ DI QUALITA’
  • UNIFORMITA’ ED EQUILIBRIO DI SVILUPPO (i fiori e le foglie, oltre ad essere fra loro omogenei, non devono presentare anomalie di sviluppo)
  • COLORE (sia i fiori che le foglie non devono presentare colorazioni anomale, per esempio clorosi, dovute ad errori nella tecnica colturale)
  • FRESCHEZZA: i fiori non devono presentare segni di invecchiamento, di avvizzimento, ma evidenziare, in ogni caso, colore vivo di fiori e foglie
  • EVENTUALI  PARASSITI (visivamente il prodotto da commercializzare non deve presentare infezioni o infestazioni)
  • EVENTUALI RESIDUI DI FITOFARMACI/DANNI DA NECROSI
  • FIORITURA (minimo-massimo)
  • LUNGHEZZA
  • ROBUSTEZZA

SANZIONI

I provvedimenti presi in caso di non conformità delle confezioni controllate, devono essere immediatamente comunicati ai coltivatori e possono essere:

  • RICONFEZIONE
  • DECLASSAMENTO
  • ESCLUSIONE DALLA VENDITA

L’esclusione dalla vendita riguarda i fiori che non rispettano i parametri del presente regolamento e non sono conformi per peso dell’unità di confezione e/o numero di steli.
In ogni caso, le sanzioni elevate in relazione ai parametri di qualità del prodotto rimangono a discrezione del Servizio Controllo della Qualità.

Nota bene: la vendita di prodotti non freschi potrà essere sanzionata per “comportamento commerciale scorretto”

Norme di qualità e schede tecniche fornite da UCFlor – Mercato dei Fiori di Sanremo, che ringraziamo per la collaborazione.