NORME DI QUALITA’
PARTE GENERALE

Le seguenti prescrizioni sono relative alla qualità, selezione, confezione ed alle indicazioni da riportare sulle confezioni dei fiori, delle fronde e delle foglie recise e si attengono a quanto dettato dal Reg. CE 316/68.

STADIO DI MATURITA’

Da sufficientemente sviluppato da garantire la completa fioritura o distensione a non troppo sviluppato da presentare i primi segni di invecchiamento ( stadi I, II e III, immaturo, maturo, troppo maturo riportati sulle singole schede prodotto con fotografie )

CLASSIFICAZIONE

La tolleranza identifica, in percentuale, la misura massima accettata di prodotto non conforme alle categorie di scelta indicate sulla confezione, per quanto riguarda i requisiti di qualità.
Normalmente non vi è tolleranza sui pesi e sulle lunghezze, che devono corrispondere a quelli dichiarati.

CATEGORIA EXTRA – caratteristiche dei fiori, delle fronde e delle foglie
Caratteristiche della categoria I senza alcuna percentuale di tolleranza

CATEGORIA I – caratteristiche dei fiori, delle fronde e delle foglie

  • interi
  • freschi
  • senza parassiti animali o vegetali
  • privi di danni causati dai parassiti suddetti
  • senza tracce di formulati chimici che deturpino e/o compromettano  l’aspetto del prodotto
  • privi di ammaccature
  • privi di difetti di vegetazione
  • privi di danni causati dalle intemperie
  • steli di rigidità e curvatura (o peso) rispondenti alle caratteristiche tipiche della specie o della cultivar
  • la forma, la consistenza ed i colori di fiori, steli e foglie, devono corrispondere adeguatamente alle loro caratteristiche  specifiche.
  • il 5%  dei fiori, delle fronde o delle foglie di una confezione può presentare leggeri difetti a condizione che non venga compromessa l’omogeneità del prodotto stesso.

CATEGORIA II – caratteristiche dei fiori, delle fronde e delle foglie
– interi
– freschi
– senza parassiti animali
possono, tuttavia, essere presenti i seguenti difetti:
– leggere malformazioni
– leggere ammaccature
– leggeri danni causati da malattie o da parassiti animali
– leggeri danni causati da intemperie
– steli di rigidità e curvatura (o peso) non rispondenti alle caratteristiche tipiche della specie o della cultivar
– piccole tracce di formulati chimici
– il 10%  dei fiori, delle fronde o delle foglie di una confezione può non rispondere ai requisiti minimi stabiliti per la categoria.
I difetti ammessi non devono compromettere la resistenza, l’aspetto e l’utilizzazione dei fiori.

CODICE DI LUNGHEZZA E PESO

La lunghezza degli steli deve corrispondere ai codici dati dal regolamento e dichiarati dal produttore.
Attraverso la determinazione dei codici si consente l’identificazione oggettiva delle lunghezze dei fiori e delle fronde, indipendentemente dalla qualità: la lunghezza di per se’ non costituisce elemento per la classificazione di qualità.

DIFFERENZA  DI  LUNGHEZZA CONSENTITA

Il codice indica la lunghezza dello stelo più corto  nella confezione.
La differenza di lunghezza consentita si riferisce alla minima compresa fra il codice dato e un limite superiore, specificato nel regolamento generale.

DIFETTI O ELEMENTI DI NON CONFORMITA’

  • Danno meccanico: si intende il danno causato su foglie, stelo o fiore da urti, piegature, pressioni, tagli, ecc. che ne compromettono l’aspetto.
  • Carenze di crescita: sono le imperfezioni dei fiori nel loro complesso, verificatisi durante la coltivazione(steli storti, colli fiorali storti, fiori imperfetti).
  • Carenze nutrizionali: colorazioni anormali di fiori e foglie.
  • Parassiti animali e/o vegetali:      la dizione “esenti da” significa che ad un esame visivo il prodotto non deve presentarne.
  • Formulati chimici: sostanze usate in coltivazione per la protezione o la crescita delle piante
  • Freschezza: è la valutazione per cui, ad un esame visivo, i fiori non devono presentare segni di invecchiamento, avvizzimento, ecc., ma  colore vivo ed adeguata consistenza di petali e foglie.

CONTROLLO DI QUALITA’

I controllori avranno come riferimento il Regolamento e le schede di qualità specifiche per ogni specie o varietà di fiore, fronde o foglie; sulla base di queste schede, dovranno esaminare il prodotto secondo uno schema di valutazione (vedi scheda allegata) che comprende:

  • CONFEZIONE:

a- danni da imballaggio;
b- peso/numero di steli;
c- pulitura della parte terminale dello stelo e delle talee eventualmente presenti;
d – presentazione/parità di gambo o di fiore.

  • UNIFORMITA’ DI QUALITA’
  • UNIFORMITA’ DI SVILUPPO DI FIORI O FOGLIE
  • COLORE
  • FRESCHEZZA
  • EVENTUALI  PARASSITI
  • EVENTUALI RESIDUI DA DISINFEZIONE/DANNI DA NECROSI
  • FIORITURA (minimo-massimo)
  • LUNGHEZZA
  • ROBUSTEZZA

Nota: la regolamentazione alle voci 1-2-3-4-5-6-7 può avere una normativa di carattere generale; la regolamentazione alle voci 8-9-10 deve fare riferimento ad ogni singolo prodotto.

SANZIONI

I provvedimenti presi in caso di non conformità delle confezioni controllate, devono essere immediatamente comunicati ai coltivatori e possono essere:

  • RICONFEZIONE
  • DECLASSAMENTO
  • ESCLUSIONE DALLA VENDITA

L’esclusione dalla vendita riguarda i fiori che non rispettano i parametri del presente regolamento e non conformi per peso dell’unità di confezione e numero di steli.
In ogni caso, le sanzioni elevate in relazione ai parametri di qualità del prodotto rimangono a discrezione del Servizio Controllo della Qualità.

Nota bene: la vendita di prodotti non freschi potrà essere sanzionata per “comportamento commerciale scorretto”

Norme di qualità e schede tecniche fornite da UCFlor – Mercato dei Fiori di Sanremo, che ringraziamo per la collaborazione.